Sodalizi consociati:   Associazione Nazionale CRAL Dipendenti Comunali         Assocral

DIRETTIVO

SOCI

STATUTO

ATTIVITA'

CIRCOLARI

CONVENZIONI


VIAGGI

           
   





 

NOVITA'

    Visualizza l'album fotografico dell'A.R.A.C

_______________________________________________________________

50° anniversario 1964 -2014

A.R.A.C.: 1500 SOCI UNITI DA TRADIZIONE E NOVITA’, IN UN SERVIZIO CHE PROSEGUE NEL TEMPO, PER CONTINUARE A CRESCERE INSIEME

  •  “Chi non ricorda il bene passato e vecchio già oggi”. Anche per non smentire questa massima di Epicuro, credo sia giusto ricordare certe date e certi momenti che hanno segnato la nascita e la vita di un sodalizio. Era il 6 marzo del 1964 quando Italo Pignatelli, Paolo Cespa, Adelmo Dobran e Antonio Cadelli, con atto notarile n. 4164, costituirono l’Associazione Civile denominata “Associazione Ricreativa Addetti Comunali – A.R.A.C., realtà che  rappresentava di fatto la continuazione della “Associazione G.R.A.C. – Gruppo Ricreativo Addetti Comunali”, nata a sua volta il 2 dicembre 1946 d’allora facente funzioni di Commissario per la Zona di Trieste, con l’intento di creare, in ambito comunale, un gruppo omogeneo di persone unite da un comune intento di difesa dei diritti nazionali della Zona di Trieste.

  • A 68 anni dalla fondazione del Circolo e 50 dalla costituzione in Associazione Civile, l’A.R.A.C. è chiamata oggi a dimostrare la straordinaria crescita avvenuta da quel lontano 1946, in un’ evoluzione economica e sociale  che ha portato l’Associazione, al passo con gli altri Cral nazionali, a crescere favorendo progressi in ambito culturale e sportivo.

  • Con una dotazione finanziaria ridotta rispetto agli altri Circoli allora esistenti,  i primi decenni di attività furono dedicati soprattutto a consolidare l’unità tra gli associati, un’unità che nasceva da comuni condizioni geografiche, storiche e politiche.

  • Con l’approvazione della denominazione A.R.A.C. e la sua composizione, sancita dall’articolo 14 del Codice Civile, si è proseguito quindi in quell’attività di divulgazione e valorizzazione culturale che ci è propria.  In questa logica e seguendo quest’obiettivo primario sono state portate avanti iniziative fondamentali come: rappresentazioni teatrali, mostre filateliche, esposizioni di artisti concittadini contemporanei, rassegne fotografiche e molti altri interessanti appuntamenti.

  • Come soci di questo Circolo, siamo fieri di sapere che proprio in quegli anni decisivi, grazie alla solidarietà tra colleghi e all’impegno della sua classe dirigente, l’Associazione è riuscita a costruire un dinamico e prezioso tessuto socio-culturale, che ci ha permesso di arrivare ai giorni nostri. Un tessuto che è patrimonio comune, segno tangibile di un impegno costante che si rinnova con il contributo e la disponibilità di tante persone, amici e colleghi capaci, che offrono quotidianamente la loro disponibilità e il loro apporto per continuare a crescere insieme, per cercare nuove occasioni d’incontro.

  • Oggi l’attività dell’Associazione Ricreativa Addetti Comunali, affiliata come Ente di Promozione Sportiva, può contare  su quasi 1.500 soci e coinvolge dipendenti comunali in organico, pensionati e familiari nella pratica di numerose discipline sportive e interessanti iniziative dopolavoristiche. Basta solo ricordare che,  sul campo di tennis di via Settembrini, si cimentano circa 300 soci, con attività individuali, gare  e tornei organizzati. Nella “storica” sede sociale, nel giardino pubblico Muzio De Tommasini, trascorrono pomeriggi in compagnia molti anziani della zona, oltre ad indimenticabili colleghi ora in pensione. La sala centrale, dotata di bar sociale, è costante punto di riferimento per mostre d’arte varia, feste, anniversari e momenti d’incontro in grado di richiamane sempre una buona partecipazione di pubblico. Ristrutturate di recente, le salette della sede del giardino pubblico, sono attrezzate e consentono di svolgere diverse attività ludiche. In quest’ottica sono organizzate anche manifestazioni con il Consiglio circoscrizionale e con l’Area servizi sociali, con attività sociali che vanno dalle feste per bambini a spettacoli teatrali, da Carnevale a San Nicolò, in un crescendo di appuntamenti e d’animazione che coinvolge tutta la zona.

  • La segreteria dell’A.R.A.C. è attiva invece nel palazzo comunale di piazza dell’Unità d’Italia 4 ed è di fatto il “cuore” dell’Associazione, punto di riferimento per tutte le sue diverse e molteplici attività. Gestita con la collaborazione di due soci pensionati, la segreteria osserva un orario d’apertura al pubblico funzionale a tutte le esigenze, che si aggiunge alla possibilità di consultazioni attraverso le consuete reti intranet ed internet. Tra i servizi offerti ai soci possiamo ricordare ad esempio: le offerte commerciali e sconti, l’evidenza viaggi e soggiorni, i biglietti a riduzione per le varie manifestazioni in città, la biblioteca e videoteca (utilizzabili gratuitamente dai soci), le prenotazioni d’abbonamenti, per i Teatri Bobbio, Rossetti, Armonia e Verdi, per i bagni Ausonia, Grignano Riviera e Sirena.

  • Particolarmente attive le varie sezioni dell’Associazione che operano seguendo diverse discipline sportive e attività ricreative, in modo quasi autonomo,  sulla base degli stanziamenti decisi dal Consiglio direttivo ed approvati dall’Assemblea dei soci. Ad oggi le sezioni in attività sono: sede sociale (comprensiva delle sezioni dama, scacchi, teatro, gioco delle carte) calcio, pallavolo, pesca, gite e soggiorni, pallacanestro, podismo, tennis. Tutte le sezioni partecipano, anche con ottimi risultati, ai diversi tornei interaziendali. L’attività ordinaria del Circolo si autofinanzia  attraverso le quote sociali, gli introiti derivanti dal campo di tennis e i contributi pubblici. Purtroppo, a causa delle note ristrettezze economiche, alcune discipline e attività sono state ridotte o congelate, in attesa di tempi migliori.

  • Confermando la sua lunga tradizione, l’A.R.A.C. è e vuole continuare ad essere un’Associazione aperta, che punta ad unire, a trovare soluzioni comuni, per sostenere e offrire a ciascuno un’opportunità e un’occasione d’incontro e di crescita. Per superare le sfide e i “venti di crisi” che oggi ci segnano, per essere ancora più consapevoli dell’importanza di restare uniti, per continuare ad operare insieme, cercando quella solidarietà che aiuta a superare ogni difficoltà.

il Presidente
Francesco Tarantino


Il giorno 02 dicembre 1946 è costituita la prima Associazione dei dipendenti comunali del comune di Trieste denominata " Associazione G.R.A.C. - Gruppo Ricreativo Addetti Comunali ". Costituitasi, di fatto, dietro autorizzazione dall'allora Commissario per la Zona di Trieste, con l'intento (che è posto in evidenza nell'atto costitutivo d'Associazione civile) di creare, nell'ambito comunale, un gruppo omogeneo di persone unite da un comune intento di difesa dei diritti nazionali della Zona di Trieste.

L’Associazione è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo.
Essa non ha alcun fine di lucro e opera al fine di promuovere la pratica di varie attività nel campo dell’assistenza, della cultura, dell’arte, dello sport e della ricreazione principalmente fra il personale del Comune di Trieste.

   

 

 

 

 


scarica acrobat reader

scarica word viewer 2003
 

 

 
©2006 A.R.A.C. Trieste - SITO OTTIMIZZATO PER LA VISIONE A 1024X768 - LA DUPLICAZIONE NON E' AMMESSA SE NON PREVIA AUTORIZZAZIONE DELL'AUTORE